Skip to content

EUGENIO MONTALE. IL PORCOSPINO GOLOSO

February 18, 2015

Learn Italian

EugenioMontale

A pianterreno
Scoprimmo che al porcospino
piaceva la pasta al ragù.
Veniva a notte alta, lasciavamo
il piatto a terra in cucina.
Teneva i figli infruscati
vicino al muro del garage.
Erano molto piccoli, gomitoli.
Che fossero poi tanti
il guardia, sempre alticcio, non n’era sicuro.
Più tardi il riccio fu visto
nell’orto dei carabinieri.
Non c’eravamo accorti
di un buco tra i rampicanti.

Nobel per la letteratura nel 1975, Montale era un intellettuale a 360 gradi: poeta, scrittore, critico musicale, traduttore, politico.

Autodidatta di buone letture (D’annunzio, Dante, Petrarca in primis) si muove con disinvoltura in tutte le discipline della scrittura. Nella sua poesia ci sono i simboli della condizione umana: il malessere esistenziale, riscattato da un avvenimento miracoloso.

Gli oggetti presenti nelle sue poesie si ritrovano in altre, come un susseguirsi di immagini, appunto, simboliche.

 Il Porcospino  e’ una delle tante dedicate agli animali, a cui…

View original post 17 more words

From → Uncategorized

Leave a Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: